Lars Mack - Nuotatore di ghiaccio e Iron Ice Man alias The Swimming Policeman dalla Baviera

Sono un nuotatore da quando avevo tre anni. I miei genitori mi hanno mandato al club di nuoto locale nel mio piccolo villaggio NATTHEIM, nel sud della Germania, dove ho iniziato le mie prime lezioni di nuoto e sono diventato, all'età di 12 anni, membro di una squadra di nuoto selezionata nel sud della Germania. Più tardi, all'età di 30 anni, sono diventato un membro del Masters Swimming Selection Team dell'Alta Baviera (l'area intorno a Monaco ea sud fino al confine austriaco).
Nel frattempo, tra i 14 ei 18 anni, ero un nuotatore nel club di nuoto, SSG Heidenheim.  Lì abbiamo avuto la possibilità di prendere parte a campi di addestramento e competizioni a Cracovia (Polonia) e alcuni a Berlino Est e Ovest, che sono stati molto eccitanti prima della caduta del Muro di Berlino.
Partecipo a eventi di nuoto ovunque si trovino. Ad esempio una maratona di nuoto (42,195 km) nel fiume Weser nel mezzo della Germania nell'anno 2020.
L'anno scorso ho corso di nuovo in un paio di nuotate in acque libere. Ad esempio la gara di 10 km in Austria al lago di Millstatter nell'Alpen Adria Cup.
Purtroppo non siamo riusciti a finire tutte le tappe a causa della pandemia e delle condizioni meteorologiche.
Parlando di sogni e cose che ho ancora in mente:
Penso che il mio primo obiettivo sia quello di prendere parte al mio prossimo Ice Mile e poi battere il record mondiale di nuoto sul ghiaccio a lunga distanza stabilito due settimane fa (a partire da questo blog uscito il 23/3/2021) da Paul Georgescu ora impostandolo a 3,5 km. 
(Quindi è più di un doppio Ice Mile in meno di 5 gradi di acqua fredda.)
Sono un agente di polizia bavarese e il mio dipartimento è la polizia di Monaco. Ho la fortuna di potermi allenare nel cuore di Monaco sul fiume Isar il più spesso possibile.
Lars here with our Hydration Tow Float
 
Ho un altro sogno ed è quello di stabilire il record di nuoto il più alto (di altitudine) Ice Km o Ice Mile. Questo potrò fare in Nepal. Il Lago si chiama Lago di Tillichio (https://en.wikipedia.org/wiki/Tilicho_Lake


Mi viene sempre chiesto come è nato il mio amore per il nuoto sul ghiaccio. Alla fine del 2016 un nuotatore mi ha chiesto se fossi interessato a partecipare a una gara di nuoto sul ghiaccio. Prima che me ne rendessi conto, avevo registrato 50m rana e 50m stile libero ai Campionati Mondiali di nuoto su ghiaccio che si sono svolti nel gennaio 2017.

Solo per tua informazione ci sono due associazioni internazionali di nuoto in acque fredde. Uno è il IWSA (Associazione Internazionale di Nuoto Invernale). Le competizioni si svolgono a temperature di 10 gradi e più fredde. Un sofisticato sistema di punti fornisce punteggi diversi, a seconda della posizione e della temperatura dell'acqua e dell'aria.

L'altro è il IISA (Associazione Internazionale di Nuoto sul Ghiaccio). Il nuoto sul ghiaccio significa nuotare a temperature dell'acqua inferiori a 5 gradi. Distanze comprese tra 25 me 1000 m sono nuotate in varie competizioni durante tutto l'anno. I punti vengono assegnati qui solo nelle competizioni di Coppa del Mondo per distanze comprese tra 500 me 1000 m.

La temperatura più bassa a cui ho gareggiato è stata di 0,3 ° gradi di temperatura dell'acqua e di una temperatura dell'aria compresa tra -15 e -20 gradi al campionato del mondo IISA a Murmansk in Russia, non lontano dal Circolo Polare Artico. Lì ho gareggiato per la prima volta e nella gara più impegnativa dei 1000 m stile libero. Il tempo ottenuto in queste condizioni è stato di 16:55 minuti (il mio tempo record è di 15:15 minuti). Sulla distanza di 100 metri di corsa al seno sono persino diventata campionessa del mondo nella mia fascia d'età.


I successi ottenuti nella stagione 2018/2019 mi hanno spinto a fare di più. Durante l'estate 2019 ho preso parte a vari nuoto in acque libere in Germania e Austria e mi sono anche allenato il più spesso possibile in fiumi, torrenti e laghi, soprattutto in Baviera, o in vacanza al mare.

Fra  altre nuotate, a settembre 2019 ho nuotato attraverso la parte più ampia di ciascuno dei più grandi laghi di Scozia, Inghilterra e Galles in un solo giorno, insieme ad altri 4 nuotatori (tra cui il più veloce nuotatore sul ghiaccio della Gran Bretagna Carolina Sassone).


Durante le sessioni di allenamento utilizzo sempre il mio Swim Secure galleggiante di traino per la sicurezza, che ti dà sicurezza se hai bisogno di aiuto o supporto. Inoltre, rende più ovvio agli astanti che la persona nell'acqua non è appena caduta! È sempre meglio nuotare con un'altra persona o avere qualcuno a terra che ti sostenga e ti osservi. La sicurezza viene prima di tutto. Questo vale anche per le gare. L'alcol, ad esempio, è assolutamente tabù.

La mia stagione di maggior successo finora è stata la 2019/2020. L'inizio è stato a novembre 2019 con la prima tappa della Coppa del Mondo IISA a Jelgava in Lettonia, dove i punti raccolti mi hanno fatto classificare al primo posto nella categoria maschile.

La seconda fase si è svolta a Tyumen / Siberia dal 12.04.2019 al 12.08.2019 a temperature dell'acqua comprese tra 1,5 e 2,3 gradi circa, con più punti raccolti.


Con un buon punteggio e una pausa di 2 settimane e mezzo dalle competizioni, sono andato alla prossima gara di nuoto sul ghiaccio ad Amsterdam sul fiume Amstel alla fine di dicembre 2019. La competizione ha il suo fascino, in quanto si svolge nel centro della città ed è molto popolare tra la popolazione. Come molte altre gare di nuoto sul ghiaccio, questa è stata molto ben organizzata.


Solo pochi giorni dopo si è svolta a Veitsbronn, in Germania, la seconda competizione di Coppa del Mondo di nuoto sul ghiaccio. Il cosiddetto German Open, una nuotata sul ghiaccio organizzata dal pluripremiato mondiale Christof Wandratsch. In un fine settimana del genere è abbastanza normale tuffarsi nell'acqua gelida fino a 12 volte. Saune mobili, vasche idromassaggio, tende riscaldate e tante bevande calde sono a disposizione per il "recupero", ovvero la successiva fase di riscaldamento. Per distanze superiori a 500m e 1000m, è essenziale sottoporsi preventivamente a un esame medico, che include un ECG a riposo e un'ecografia cardiaca. Alla gara stessa bisogna avere un "secondo" che arrivi alla partenza come supervisore personale e si prenda cura del nuotatore e dovrebbe anche conoscerlo bene per riconoscere eventuali irregolarità dentro e fuori dall'acqua in caso di pericolo.

Dopo la gara di Veitsbronn, sono tornato a Monaco, dove dopo 2 giorni di lavoro ho proseguito per la terza parte della Coppa del Mondo di nuoto sul ghiaccio a Jinan / Provincia di Shandong / Repubblica Popolare Cinese. (Nota: lo Shandong è la provincia partner del Libero Stato di Baviera da oltre 30 anni).

Ho volato da Monaco via Doha a Pechino l'8 gennaio 2020 in serata, per poi proseguire da lì con il treno ad alta velocità fino a Jinan. Dopo una giornata di relax, le gare dei due giorni successivi sono proseguite in un parco nel cuore del centro storico della città.

La competizione era talvolta molto rigorosamente "cinese" con l'aiuto dell'esercito e della polizia ma sempre amichevole e cortese. L'evento è andato molto bene per me, nonostante la forte concorrenza di Russia e Cina. Piuttosto insolito in questo sport, è stato assegnato un premio in denaro per i piazzamenti, che è stato possibile rilevare tramite impronte digitali, presentazione del documento di riconoscimento e firma.

Dopo aver completato le gare in Cina, ho guidato la Coppa del Mondo di nuoto invernale. Sfortunatamente, un lungo weekend per la Cina è semplicemente troppo breve per conoscere meglio il Paese e le persone.

Nel fine settimana dal 17 gennaio 2020 al 19 gennaio 2020 ho avuto il mio "battesimo del fuoco". Mi ero registrato per il mio momento clou, l'Ice Mile, come parte dei campionati cittadini di nuoto sul ghiaccio nel Wöhrsee nella città di Burghausen.

Qui, secondo un rigido protocollo, si nuota per 1609 m in acqua al di sotto dei 5 gradi. Con temperature dell'acqua di ca. 4,4 gradi Il giorno della gara ho completato il mio primo Ice Mile in un fantastico tempo di 25 minuti e 30 secondi.
https://openwaterswimming.com/2020/03/lars-mack-becomes-an-iron-ice-man/
https://www.openwaterpedia.com/index.php?title=Ice_Ironman

Dopo aver completato con successo un Ironman nell'agosto 2019 all'OstseeMan di Glücksburg e ora all'Ice Mile, mi sono qualificato per essere un "IRON ICE MAN", unendomi a un piccolo gruppo di persone che hanno completato sia Iron Man che Ice Mile.

Il momento clou della stagione è seguito con i campionati del mondo IWSA di nuoto invernale a Bled / Slovenia dal 02/03/2020 al 02/09/2020. Nel lago di Bled, con un clima piuttosto primaverile, le gare di 450 e 1000 m si sono svolte in acque libere su un percorso circolare e le distanze più brevi in una vasca appositamente costruita nel lago.

Un evento come questo sembra una grande riunione di famiglia con tutti che non vedono l'ora di nuotare e ritrovarsi con gli amici del ghiaccio e del nuoto invernale provenienti da tutto il mondo. Molti di loro non risparmiano sforzi o spese per recarsi alle competizioni dagli angoli più remoti del mondo. (Hong Kong, Cina, USA, Nuova Zelanda, Finlandia, Russia, Gran Bretagna, Irlanda, Islanda ecc.). Questo potrebbe essere uno dei motivi per cui questo sport è diventato sempre più popolare negli ultimi anni.

 

Dopo una settimana molto ricca di eventi a Bled con grandi esperienze e risultati, il finale di stagione era a portata di mano. Avrebbero dovuto seguire una tappa della Coppa del Mondo di nuoto sul ghiaccio a Stanford / GB e la finale della Coppa del Mondo di nuoto sul ghiaccio di nuoto invernale a Petrozadovsk / Russia. Purtroppo, la finale della Coppa del Mondo è stata annullata a causa della pandemia di Corona. Non ho quindi avuto modo di raccogliere più punti nell'ultima competizione e ho concluso la stagione nel nuoto invernale 2019/2020 terzo (assoluto) e primo nella fascia 45-49 anni. Il premio è stato ricevuto in sicurezza nel gennaio 2021.

Ho saltato la tappa di Standford/GB World Cup a causa di un evento di nuoto a Lofoten/Norvegia settentrionale. In questa zona remota ho avuto l'opportunità di trascorrere del tempo in acqua con eminenti surfisti a Unstad (conosciuto come il cosiddetto Artic Surf Spot) ea Flakstad e a Henningsvaer. È un po' strano nuotare in mare aperto sapendo che le orche potrebbero condividere la tua acqua, ma il divertimento di nuotare in un posto così meraviglioso e selvaggio ha vinto. Moto d'acqua e gommoni in acqua, così come le cure mediche a terra, hanno fornito assistenza e supporto perfetti.
Dopo 10 giorni siamo tornati in Germania, che era già primavera.

Prima che tutti i confini chiudessero e la pandemia si diffondesse ovunque, i Campionati Scozzesi di Nuoto Invernale si sono svolti a Kenmore nel Loch Tay. Una piccola competizione, ma non meno professionalmente organizzata dei grandi eventi. Soprattutto c'è stata un'accoglienza calorosa e un paesaggio mozzafiato.

Purtroppo questo è stato solo un viaggio di un fine settimana.

Da quando ho iniziato a gare di nuoto sul ghiaccio in patria e all'estero rappresentando la mia unità di polizia, ora vengo regolarmente presentato dai commentatori come il "poliziotto di nuoto della Baviera". Questa introduzione unica ha portato ad amicizie con altri agenti di polizia internazionale del nuoto, incluso un membro IPA della Siberia.

Quali altri piani ho: Ebbene, le due Associazioni Internazionali stanno cercando di rendere lo sport olimpico. Ci sono buone possibilità di entrare almeno nel programma preliminare dei prossimi Giochi Olimpici Invernali per presentare lo sport e dimostrarne la fattibilità.

Una nuotata intorno a un'isola scozzese insieme a un nuotatore di ghiaccio scozzese e l'aiuto della popolazione locale è in programma per il 2021 come tentativo di "Guinness dei primati".

C'è anche il cosiddetto Ice 7 per i nuotatori sul ghiaccio.
https://www.internationaliceswimming.com/ice-sevens-explained/
Per fare ciò, devi nuotare un Ice Mile nelle seguenti parti del mondo: -Africa / Asia (inclusa la Russia) / Europa (esclusa la Russia) / Nord America / Oceania / Sud America / così come uno in una regione polare (a sud di 60°S o 70°N), inoltre, uno dei percorsi con temperatura dell'acqua inferiore a 1°C deve essere nuotato.

Mi piacerebbe farlo, ma ad oggi non è stato possibile a causa dei costi. Come in molti sport, tutto deve essere autofinanziato, a meno che non si riceva l'aiuto di uno sponsor. Finora la sponsorizzazione è stata data solo a un paio di persone nel nostro sport di nuoto sul ghiaccio.

Ma i sogni sono obiettivi!

Lars Mack è diventato uno Swim Secure Ambassador per aiutarci a diffondere il messaggio di #BeSaferBeSeen e lo fa brillantemente quando partecipa a tutti gli eventi di nuoto in acque libere. Grazie Lars. 
Instagram: @GermanIceSwimmer

 

Related Posts

Jo Moseley -
Jo Moseley - "a Warrior not a worrier"
Jo Moseley is a single Mum of two grown up sons, living on the edge of the Yorkshire Dales.  She is the author of th...
Read More
Bryce Davies - Swim Wild Wales
Bryce Davies - Swim Wild Wales
My name is Bryce Davies. I am a Qualified Level 2 Open water coach, Beach lifeguard and Open Water swimmer currently ...
Read More
Cassandra Patten - Nuotatrice e allenatrice freestyle britannica
Cassandra Patten - Nuotatrice e allenatrice freestyle britannica
Cassie è una delle sole 3 atlete di nuoto britanniche ad aver mai vinto una medaglia olimpica per la maratona di nuot...
Read More

/* remove the date */ .date { display: none !important; }